Theoria vola in alto, sulle “ali” di Aerodron

By 16 febbraio 2015 Notizie No Comments

I droni sono una delle tecnologie del futuro delle quali sentiremo parlare sempre più nei prossimi mesi. Theoria – storicamente specializzata nella comunicazione di realtà innovative – non poteva non avere un’azienda all’avanguardia in questo settore nel proprio portfolio. Questa azienda è Aerodron, nata a Parma nel 2012 da un ingegnere che intuì le straordinarie potenzialità applicative della visione dall’alto attraverso aeromobili a pilotaggio remoto. Per Aerodron, da febbraio 2015, curiamo la comunicazione in Italia, basata sull’esecuzione di un progetto volto a promuovere presso l’opinione pubblica e gli stakeholder le istanze e i benefici nell’uso dei droni per la valorizzazione del territorio e dell’ambiente.

AeroDron è una delle prime start-up italiane dedicate alla realizzazione di servizi utilizzando Sistemi Aeromobili a Pilotaggio Remoto (SAPR). Specializzata in remote sensing, fotogrammetria, modellazione 3D e produzione cartografica, applica lo stato dell’arte delle tecnologie di rilevamento con SAPR alla realizzazione di soluzioni  per il supporto alle attività di progettazione, gestione del rischio idrogeologico, agricoltura di precisione, ispezioni infrastrutturali, topografia e, in generale, in tutte le occasioni in cui l’utilizzo di SAPR può generare valore, migliorare l’efficacia e mitigare i rischi per aziende, professionisti, realtà del settore pubblico e cittadini.

In attesa delle prossime novità su Aerodron, potete godervi i video di due recenti missioni. La prima è stata condotta su richiesta del Comune di Cervia, per una sperimentazione legata alla ricerca di materiale esplosivo lungo il litorale della costa romagnola. Guarda il video

Content non disponibile.
Per cortasia abilita i Cookie cliccando Accetto nel banner dell'informativa

La seconda missione ha riguardato un volo sul Parco Nazionale dell’Appennino Tosco-Emiliano per controllare un focolaio di IpsTypographus, un coleottero che uccide l’abete rosso. Nel video, si possono vedere immagini all’infrarosso che evidenziano gli alberi morti.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso, consulta la cookie policy.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.

Chiudi